Il direttore del Centro per il coordinamento degli allarmi sanitari e delle emergenze, Fernando Simón , ha dichiarato che si sta progettando di ridurre l’uso obbligatorio di mascherine in alcuni spazi esterni.

Simon ne ha parlato in una conferenza stampa, evidenziando che la decisione verra’ presa a livello nazionale, e non da comunita’ autonome.“Dovremo modificare progressivamente l’obbligo di usare le mascherine e questo è qualcosa su cui stiamo lavorando. È possibile che si raggiunga l’obiettivo di vaccinare il 70 per cento della popolazione in estate ed è possibile che prima di raggiungerlo si stabilisca un accordo per non rendere obbligatorio l’uso delle mascherine in alcuni luoghi aperti ”, ha chiarito Simón.

L’uso della mascherina e’ comunque una misura contenuta in una legge ed il divieto non può essere rimosso in 24 ore. Per questo motivo non e’ possibile stabilire quando avverra’ l’approvazione di un cambiamento di rotta, se cioe’ l’uso della mascherina in alcuni luoghi aperti sara’ abolito a luglio, metà luglio, agosto o settembre. “È qualcosa che si sta analizzando ma dovrà essere deciso all’interno del Consiglio Interterritoriale del Sistema Sanitario Nazionale”, ha concluso.