ll Ministero della Salute del Governo delle Isole Canarie acquisirà 10 apparecchiature high-tech per l’Ospedale Universitario delle Canarie, a Tenerife.

Alta tecnologia per l’HUC e un investimento di 14 milioni

Il Ministero della Salute ha concordato con le comunità autonome il finanziamento del piano InVeat per diminuire  l’obsolescenza del parco tecnologico del Sistema Sanitario Nazionale, come da  specifica di mercoledì in un comunicato.

Inoltre, il centro ospedaliero riceverà attrezzature attraverso i fondi REACT-EU per un valore di quasi quattro milioni di euro.

ALTA TECNOLOGIA PER L’HUC E IL RINNOVAMENTO DELLE APPARECCHIATURE

Con una dotazione di 10,2 milioni di euro, nove squadre verranno rinnovate e un’altra verrà acquisita in estensione.

Per evitare problemi derivati dall’obsolescenza , verranno acquisiti due acceleratori lineari, due gamma camera e due angiografi vascolari, oltre a una TAC di pianificazione, un angiografo neurologico e una sala di cateterizzazione.

Inoltre, la dotazione del parco tecnologico sarà ampliata con un ulteriore angiografo neurologico.

Le apparecchiature diagnostiche per patologie a forte impatto sanitario, verranno in sostegno di malattie croniche, oncologiche, neurologiche e malattie rare.

All’interno dei fondi React-EU, dallo strumento europeo di recupero Nex Generation EU, l’Ospedale riceverà un investimento di quasi quattro milioni di euro per nuove apparecchiature che saranno utilizzate per vari servizi medici come Otorinolaringoiatria, Pediatria, Neurologia, Oftalmologia, Cardiochirurgia e Riabilitazione, tra gli altri, oltre al blocco chirurgico.

Per di piu’ con l’obiettivo di rafforzare le capacità di risposta al Covid-19, nel corso del 2021 sono stati finanziati da questi fondi React-EU oltre 7,1 milioni di euro per l’assunzione di personale di rinforzo sanitario presso l’HUC, oltre a oltre 131.000 euro per l’acquisto di materiale di consumo.

E attraverso il finanziamento REACT-EU, questo centro ospedaliero puo’ contare su 299.600 euro per la riforma e l’ampliamento degli spazi disponibili che consentono la localizzazione e l’avvio della nuova angiografia neurologica, un progetto pluriennale che terminerà la sua realizzazione nel 2023.

Queste squadre saranno finanziate attraverso il Piano InVeat che il Ministero della Salute ha concordato con le comunità autonome per ridurre l’obsolescenza del parco tecnologico del Sistema Sanitario Nazionale, specifica mercoledì in un comunicato la Salute.

Inoltre, il centro ospedaliero riceverà attrezzature attraverso i fondi REACT-EU per un valore di quasi quattro milioni di euro.

ALTA TECNOLOGIA PER L’HUC E IL RINNOVAMENTO DELLE APPARECCHIATURE

Con una dotazione di 10,2 milioni di euro, nove squadre verranno rinnovate e un’altra verrà acquisita in estensione.

A causa della ristrutturazione, per evitare l’obsolescenza, verranno acquisiti due acceleratori lineari, due gamma camera e due angiografi vascolari, oltre a una TAC di pianificazione, un angiografo neurologico e una sala di cateterizzazione.

Allo stesso modo, la dotazione del parco tecnologico sarà ampliata con un ulteriore angiografo neurologico.

Si tratta di apparecchiature diagnostiche per patologie a forte impatto sanitario, come malattie croniche, oncologiche, neurologiche e malattie rare.

All’interno dei fondi React-EU, dallo strumento europeo di recupero Nex Generation EU, l’HUC riceverà un investimento di quasi quattro milioni di euro per nuove apparecchiature che saranno utilizzate per vari servizi medici come Otorinolaringoiatria, Pediatria, Neurologia, Oftalmologia, Cardiochirurgia e Riabilitazione, tra gli altri, oltre al blocco chirurgico e all’acquisizione di due chiller.

Inoltre, con l’obiettivo di rafforzare le capacità di risposta al Covid19, nel corso del 2021 sono stati finanziati da questi fondi React-EU oltre 7,1 milioni di euro per l’assunzione di personale di rinforzo sanitario presso l’HUC,  oltre 131.000 euro per l’acquisto di materiale di consumo.

Allo stesso modo, con il finanziamento REACT-EU, questo centro ospedaliero è dotato di 299.600 euro per la riforma e l’ampliamento degli spazi disponibili che consentono la localizzazione e l’avvio della nuova angiografia neurologica, un progetto pluriennale che terminerà la sua realizzazione nel 2023.

Il Piano INVEAT concede al Servizio sanitario delle Canarie un totale di 40 apparecchiature, che sono state appaltate dall’Accordo Quadro del Ministero della Salute attraverso Ingesa, con l’aggiudicazione dei contratti basati sulle nove Direzioni SCS dell’ambiente ospedaliero di tutti le isole dell’arcipelago.

Il Piano INVEAT, per investimenti in apparecchiature sanitarie ad alta tecnologia nel Sistema Sanitario Nazionale, è finanziato dal Meccanismo di Recupero e Resilienza, nell’ambito del Piano di Recupero, Trasformazione e Resilienza.