Da lunedì 1 agosto, il Cabildo de Tenerife ha attivato misure di grado 1 per la prevenzione degli incendi boschivi, tenendo conto delle circostanze meteorologiche e della dichiarazione di allerta del governo delle Isole Canarie.

Pertanto, l’uso del fuoco per attività agricole e forestale, per stoppia, sterpaglia rifiuti e l’uso ricreativo barbecue, falò e fornelli a gas sono vietati.

Allo stesso modo è sospeso l’uso di qualsiasi tipo di macchinario o utensile che possa proiettare scintille (decespugliatori, attrezzature per la saldatura o tronchesi radiali) e l’uso di qualsiasi materiale pirotecnico nelle aree a rischio.

Il ministro per la Gestione dell’ambiente naturale e della sicurezza, Isabel García, ha chiesto “prudenza e buon senso” e ricorda che nei prossimi giorni “le isole registreranno un episodio di caldo in cui le temperature potrebbero essere comprese tra 34 e 38 gradi , che potrebbe portare a seri problemi per le nostre montagne se non ne siamo responsabili”.

Inoltre, il consigliere ha insistito sull’obbligo di rispettare le restrizioni all’accesso all’ambiente delle aree interessate dall’incendio boschivo, che è controllato, ma non estinto. Si ricorda, quindi, che è temporaneamente vietato il transito nell’area interessata dall’incendio, sia cross country che lungo qualsiasi sentiero nell’area forestale, salvo ragioni gestionali o causa di forza maggiore.

Questa misura interessa i comuni di Los Realejos, San Juan de la Rambla, La Guancha e, in parte, Icod de los Vinos, dove è stato stabilito che dalle piste Cruz del Majano, Icod Firewall e Reventón de Cangas a est,  ci sono limitazioni al traffico.

Inoltre, nei termini comunali di San Juan de La Rambla e Los Realejos, il traffico è chiuso al di sopra della TF-344, dal limite comunale di La Guancha a Pista Lolita. In questa zona si può entrare solo per la manutenzione di base degli allevamenti e per la cura degli animali.

Allo stesso modo, le aree ricreative e le aree di campeggio di El Lagar, Fuente Pedro, Chanajiga e La Tahona rimangono temporaneamente chiuse, così come il campo Emilio Fernández Muñoz e l’aula in Natura e il campo Barranco de la Arena.

Dal Cabildo si raccomanda inoltre di prendere precauzioni estreme con qualsiasi attività che possa generare incendi (tabacco, uso di generatori, materiale elettrico e pirotecnico…).