Nelle Isole Canarie non e’ più in vigore la chiusura perimetrale e il coprifuoco. Infatti per accedervi è richiesto un test PCR o antigene con esito negativo, effettuato nelle 72 ore precedenti a tutti i viaggiatori che arriveranno su qualsiasi isola dell’Arcipelago da un altro punto della Spagna o da paesi terzi.

Tuttavia, il governo delle Canarie ha già annunciato che, a partire dalla prossima settimana, renderà più flessibile questa misura, esonerando i vaccinati o coloro che hanno già superato il Covid dall’obbligo di presentare i test.

In tutte le isole che sono a livello di allerta 1 (Gran Canaria, La Palma, La Gomera, Fuerteventura ed El Hierro) e quelle a livello 2 (Tenerife, Lanzarote e La Graciosa), secondo indicatori epidemiologici, sono consentiti raggruppamenti di 10 persone per le prime e 6 persone per le seconde.

L’attività dell’accoglienza può essere aperta fino a mezzanotte. I clienti potranno occupare l’interno di bar e ristoranti, nelle isole con livello di allerta 1 (semaforo verde)  in ragione del 75%, mentre in quelle a livello  2 (semaforo ambra), del 50%. La capienza sulle terrazze sara’ del 75% e saranno permesse dieci persone per tavolo al livello 1 e sei persone al livello 2.