Il Ministero dei Trasporti, della Mobilità e dell’Agenda Urbana ha chiarito che la mascherina sugli aerei continuerà ad essere obbligatoria, così come avviene per altri mezzi pubblici come treni, navi o autobus. Negli accessi ad aeroporti, stazioni o binari, la mascherina non sarà obbligatoria, sebbene sia consigliata.

Il Ministro dei Trasporti, della Mobilità e dell’Agenda Urbana, Raquel Sánchez , ha indicato questo giovedì durante il suo intervento alla sessione plenaria straordinaria del Congresso che “nel caso del trasporto aereo, data l’evoluzione dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, il vero Il decreto legge elimina l’applicazione obbligatoria delle linee guida relative alla pandemia negli aeroporti e stabilisce che si tratta di raccomandazioni.

“Viene eliminato l’uso obbligatorio della mascherina, la misurazione della temperatura o il mantenimento delle distanze ai controlli”, ha sottolineato, riferendosi nello specifico alle strutture aeroportuali.

Durante la difesa del decreto legge sulle misure di sostenibilità economica nel settore dei trasporti, nonché sulle misure di risparmio, efficienza energetica e riduzione della dipendenza energetica dal gas naturale, il ministro ha indicato che “con questa modifica seguiamo le orme del paesi limitrofi, eliminando posti di lavoro e rafforzando la competitività dei settori dei trasporti e del turismo”.

Le parole del ministro arrivano dopo che l’Agenzia europea per la sicurezza aerea (EASA) e il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) hanno eliminato a maggio la raccomandazione di indossare la mascherina negli aeroporti e a bordo degli aerei. Una misura che hanno lasciato alla scelta delle compagnie aeree e dei diversi paesi.

Tuttavia, queste organizzazioni non hanno sostenuto l’eliminazione completa di questa linea guida, ma la consigliano ai viaggiatori vulnerabili, ai quali si consiglia di utilizzare un FPP2, e sui voli che decollano o atterrano in destinazioni in cui il suo utilizzo è ancora in vigore per il trasporto pubblico .

L’uso obbligatorio della mascherina quindi resta all’interno del trasporto. Pertanto, deve essere utilizzato da tutti i passeggeri e dal personale dell’aeromobile, nonché da coloro che viaggiano in treno e autobus.

Deve essere utilizzato anche negli spazi chiusi di navi e imbarcazioni in cui non è possibile mantenere una distanza di 1,5 metri, salvo nel caso di cabine in cui vi siano solo persone conviventi.

Pochi giorni fa il ministro della Salute, Carolina Darias, ha assicurato in merito alla rimozione delle mascherine sui mezzi pubblici che “siamo nella fase finale della pandemia, anche se con grande cautela”. Darias ha sottolineato che “se ci sarà un cambiamento”, il suo ministero farà “quello che dicono gli esperti”.

In tal senso, ha affermato che la mascherina “continuerà ad essere utilizzata negli ambienti sanitari e nelle residenze, tra i lavoratori e le persone in visita ai parenti, oltre che sui mezzi pubblici” perché, sebbene “siamo in una fase di grande luce”, riguardo alla pandemia, non dobbiamo abbassare la guardia.

“Conduciamo praticamente una vita normale e la mascherina è stata un elemento di barriera protettiva molto importante. Siamo sempre andati di pari passo con gli esperti ed è così che continuerà ad essere “, ha affermato il responsabile della Salute.