Ieri si è dato inizio ai lavori di perforazione del doppio tunnel di Erjos, dopo 10 mesi di lavori di preparazione. Sarà il più lungo delle Isole Canarie con 5,1 chilometri di lunghezza, e attraverserà il massiccio del Teno senza interessare l’omonimo Parco Rurale, e collegherà i comuni di Santiago del Teide, a ovest, e El Tanque, al Nord.

Saranno impegnate nell’opera circa 70 lavoratori, 27 dei quali specializzati nello scavo di gallerie, lavoreranno in tre turni di 24 ore per avanzare di quattro metri al giorno in ciascuna delle due bocche del tunnel. Ogni galleria avrà una larghezza di 13 metri per consentire una doppia corsia in ciascuna e due marciapiedi da 1,25 per l’evacuazione in caso di emergenza. Questa larghezza consentirà di ampliare la strada in futuro per usufruire di una terza corsia. Ci saranno anche 19 piccole gallerie trasversali che collegheranno entrambi i tunnel per le emergenze.

La costruzione di questo tratto Santiago del Teide-El Tanque del Anillo Insular comporterà una spesa di 240.370.796 euro, e sarà terminato fra 32 mesi. Ha un’estensione totale di 11,3 chilometri ed è un’infrastruttura fondamentale per migliorare la mobilità e la connettività tra il nord e il sud dell’isola di Tenerife, nonché per alleviare la congestione del traffico sull’autostrada TF-5 in direzione di Santa Cruz de Tenerife da La Orotava.

Si stima che una volta che questa opera sarà stata realizzata, permetterà agli automobilisti di coprire la distanza tra El Tanque e Santiago del Teide in meno di 10 minuti, percorso che attualmente richiede, percorrendo la TF-82, circa 25 minuti.