Ieri domenica La Orotava ha celebrato l’84a edizione del suo tradizionale pellegrinaggio in onore di San Isidro Labrador e Santa María de la Cabeza, patroni delle Feste della Villa. Il pellegrinaggio e’ partito intorno alle 13:30 da Calle San Francisco, dopo che sono arrivati ​​i santi patroni alla Casa de los Balcones a cui hanno fatto seguito i pellegrini, per raggiungere l’Eremo del Calvario verso le sette e mezza del pomeriggio.

Andrea Oliva, le sue damigelle, hanno dato il via ai festeggiamenti, accompagnate dalla delegazione di Ponteareas, cittadina galiziana gemellata con La Orotava, con il loro gruppo di cornamuse. La chiusura della sfilata, come da tradizione, era riservato al carro del sindaco Romera seguito dalle autorità e dalle immagini di San Isidro Labrador e Santa María de la Cabeza, scortate dalla confraternita dei contadini.

La Società Liceo de Taoro si e’ occupata della organizzazione dei festeggiamenti,  celebrando il suo 86° anniversario, da quando si occupa della “festa più bella delle Isole Canarie”, prendendosi cura ogni anno  della tradizione nell’abbigliamento e negli accessori.

All’evento era presente una marea di persone, ma nonostante cio’ la giornata si è svolta senza incidenti e con grande animazione. Alla fine poi del corteo di pellegrinaggio, la festa si e’ diretta  in Plaza Franchy Alfaro per continuare il divertimento con il Ballo del Pellegrinaggio che è stato allietato dal Corinto Orchestra di banda.