Il presidente del Cabildo de Tenerife, Pedro Martín, e i sindaci di Adeje e Arona, rispettivamente José Miguel Rodríguez Fraga e José Julián Mena, hanno visitato in questi giorni  i lavori della nuova stazione di depurazione, ad Adeje, che trasformerà il 100% delle acque reflue urbane generate in entrambi i comuni in acqua bonificata di qualità per rifornire il settore primario della regione meridionale.

Alla visita alle opere, a cui è stato destinato un investimento dell’isola di 8,7 milioni di euro, ha partecipato anche l’assessore dell’isola allo Sviluppo Sostenibile e alla Lotta ai Cambiamenti Climatici, Javier Rodríguez.

Pedro Martín ha spiegato che il nuovo EDAS fa parte “del lavoro che il Cabildo sta portando avanti per migliorare e ampliare gli impianti di trattamento delle acque dell’isola con l’obiettivo di trasformare completamente uno scenario imbarazzante e per il quale Tenerife era stata sanzionata per lo scarico in il mare”.

Ha ricordato che, “nel caso specifico della regione meridionale, siamo riusciti a depurare il 100% delle acque reflue a partire dal 2019 e ora stiamo facendo un ulteriore passo per dare a quest’acqua già depurata un trattamento speciale e convertirla in acqua bonificata per uso agricolo.

In particolare, si prevede che questi lavori aumenteranno il volume di trattamento delle acque bonificate di 16.500 m3 al giorno, con i quali la stazione potrà fornire oltre 25.000 m3 di acqua bonificata al giorno.

Il budget per l’ampliamento ammonta a 8.716.320 euro ed è interamente erogato dal Cabildo. Il lavoro è incluso nel quadro strategico per lo sviluppo insulare (MEDI) e FDCAN. Questi lavori sono iniziati a novembre 2021 e dovrebbero essere completati nell’ottobre 2023.

“Faremo in modo che l’intera area agricola da San Miguel a Santiago de Teide possa beneficiare di quest’acqua di alta qualità per i loro raccolti”, ha riaffermato il presidente

Da parte sua, il ministro per lo sviluppo sostenibile e la lotta ai cambiamenti climatici, Javier Rodríguez, ha spiegato che “questo lavoro porta avanti una base fondamentale dell’economia circolare, come la conversione dei rifiuti in nuove risorse”.