La normalità sta gradualmente cominciando a tornare nelle nostre vite dopo due lunghi anni di pandemia. Nel corso delle ultime settimane e mesi, diversi territori della Spagna e dell’Unione Europea hanno progressivamente eliminato le diverse restrizioni sanitarie ancora in vigore per fermare la diffusione del Covid-19. Quando si tratta di viaggiare,  molte compagnie aeree, come Norwegian, TUI, Jet2 e Ryanair, hanno già sospeso l’obbligo di indossare la mascherina sui propri voli,  un cambiamento che è stato senza dubbio ben accolto dai passeggeri di tutto il Vecchio Continente.

L’ultima compagnia aerea a porre fine a tale obbligo è stata la Norwegian Norwegian, che pochi giorni fa ha annunciato che non sarà più necessario indossare la mascherina a bordo dei propri aerei su tutti i voli del proprio network di compagnie aeree. Il passeggero è comunque  tenuto a confermare nelle destinazioni verso le quali viaggia la corrispondente normativa vigente in materia, in quanto potrebbero subire variazioni.

D’altra parte,  diverse compagnie aeree britanniche hanno già soppresso l’uso della maschera a bordo da settimane.  Jet2, TUI Airways, British Airways e Virgin Atlantic hanno rimosso questo obbligo per i voli verso l’Inghilterra e l’Irlanda del Nord. Il caso di British Airways è simile a quello di Norwegian, poiché i passeggeri che viaggiano con tale compagnia continueranno a dover indossare una mascherina se la destinazione lo richiede.

TUI Airways avverte anche i suoi passeggeri di tale condizione, ricordando loro in una dichiarazione che “è importante ricordare che potrebbe essere comunque richiesto di indossare una mascherina quando si scende dall’aereo e una volta all’interno dell’aeroporto di destinazione”. È il caso della Spagna,  dove i passeggeri sono ancora tenuti a indossare una maschera in tali circostanze.

Allo stesso modo,  la low cost Easyjet non richiede l’uso di una mascherina a bordo sui voli tra destinazioni nazionali britanniche o verso Danimarca, Gibilterra, Islanda o Ungheria.  Le compagnie aeree hanno iniziato a eliminare questo requisito poiché i diversi territori europei hanno revocato le rispettive restrizioni.