Finalmente! Trascorso questo infausto periodo, sono ripresi ieri pomeriggio 1 maggio ad Arona , i festeggiamenti in onore della Vergine di Fatima in Valle San Lorenzo , dopo due anni in cui non hanno potuto essere condivisi per le restrizioni dovute alla pandemia.

Il via e’ stato dato con l’ alzabandiera che è stato il punto di partenza della celebrazione che durerà un mese e sarà caratterizzata da atti religiosi, popolari e culturali, quest’ultimo attraverso il cosiddetto Cultural Ahijadero.

Gli abitanti del comune di Valle San Lorenzo, accompagnati dalla commissione dei festeggiamenti, promotori delle feste popolari, nonché membri del municipio di Arona guidato dal suo sindaco, José Julián Mena, hanno assistito all’alzabandiera con cui partono i festeggiamenti. Da ben  quattrocento anni e’ stato fndato l’Eremo di San Lorenzo, e da piu’ di settant’anni si verifica quello  che oggi è il pellegrinaggio. Il Cabildo de Tenerife aveva formulato la richiesta perché fosse  ​​considerato Bene immateriale di Interesse Culturale ( BIC) , mozione promossa dal gruppo di governo e approvata da tutti i gruppi coinvolti.

Il sindaco di Arona ha sottolineato la “gioia di recuperare la presenza e la partecipazione di tutti i residenti della Valle San Lorenzo allo sviluppo di una festa che affonda le sue radici molti decenni fa e che cerchiamo di promuovere con misure come la proposta che hanno approvato che il suo pellegrinaggio sia considerato Sito di Interesse Culturale”.