Mercoledi scorso il Parlamento delle Isole Canarie ha approvato all’unanimità la nuova Legge Trans , in concorso con i gruppi LGTBI delle isole. La legge stabilisce l’autodeterminazione di genere e la depatologizzazione delle persone trans, ponendo le Isole Canarie tra le comunità autonome con una legge più  rispetto allo standard statale.

La Legge sull’uguaglianza sociale e la non discriminazione basata sull’identità di genere, l’espressione di genere e le caratteristiche sessuali riconosce il diritto all’autodeterminazione delle persone all’identità di genere, normalizzando e allontanando le persone LGTBI dall’ambito di esclusione sociale e trans.

Le sue principali novità risiedono, tra le altre, nella depatologizzazione della realtà delle persone trans, nel miglioramento del trattamento amministrativo delle persone di questi gruppi e nella regolamentazione delle misure sanzionatorie e di infrazione.

Questa norma migliora la Legge del 2014 sulla non discriminazione basata sull’identità di genere e sul riconoscimento dei diritti delle persone transessuali, e incorpora le misure necessarie per garantire e proteggere il pieno esercizio della libera autodeterminazione del genere, senza discriminazioni, e in tutti i settori della vita politica, economica, culturale e sociale.

Per il gruppo misto, Vidina Espino ha sottolineato che l’approvazione di questa legge rappresenta “una pietra miliare nella lotta per l’uguaglianza delle persone LGBTI”, che “grazie al loro lavoro e impegno ci consentirà di avanzare in libertà, uguaglianza e diritti”; Ha anche affermato che è una regola destinata a diventare un punto di riferimento e che protegge un gruppo molto vulnerabile, mentre invia un messaggio di unità alla società delle Canarie.

Melodie Mendoza, di ASG, ha ringraziato il collettivo LGTBI per il loro “lavoro, tenacia e determinazione” nel rendere visibili i loro diritti attraverso una legge che rappresenta un “passo da gigante” e “segna la strada” per la società delle Canarie “essere consapevoli e rispettare rispetto per la diversità sessuale e di genere nelle isole ”.

La presidente del Gruppo parlamentare Sí Podemos Canarias, María del Río, ha riconosciuto l ‘”immenso” lavoro svolto in questi tre anni per l’approvazione di questo testo e ha affermato che è “un giorno per celebrare ciò che sarà considerato una pietra miliare nella storia del progresso sociale nelle Isole Canarie ”.