Le spiagge di Tenerife sono un’autentica bellezza vulcanica delle Isole Canarie, dove la sabbia nera delle sue coste si sposa perfettamente con il blu che ci regala l’Oceano Atlantico e con le scogliere che cadono in mare, dando il tocco finale a questo bellissimo quadro . .

Inoltre, queste spiagge selvagge e uniche si distinguono per avere onde forti, quindi è importante prendere precauzioni e nuotare solo se il mare è calmo.

SPIAGGIA DI CASTRO

La spiaggia di Castro si trova nel nord di Tenerife, esattamente nel comune di Los Realejos ed è vicino alla spiaggia di Los Roques.

Per arrivarci bisogna seguire le indicazioni per Rambla de Castro dove non c’è molto parcheggio quindi, soprattutto in estate, è consigliabile arrivare presto per poi scendere in spiaggia lungo un sentiero non complicato ma preferibile fare con tennis.

La spiaggia è composta da sabbia e ciottoli, anche se se con la marea è alta potrete solo apprezzare quest’ultima, poiché la sabbia è visibile solo quando la marea è bassa.

Questa spiaggia selvaggia non ha amache né beach bar, è lontana dalla folla e attualmente sta guadagnando fama, soprattutto per le foto che circolano sui social di chi la visita, e c’è una cascata che è la principale protagonista , che esalta la bellezza di una delle spiagge più affascinanti del nord di Tenerife

SPIAGGIA DI BENIJO

Questa spiaggia vergine di sabbia nera si trova a Taganana, nel distretto di Anaga, tra le rocce di Benijo e La Rapadura.

È una delle spiagge selvagge più fotografate di Tenerife, poiché al tramonto si crea un’immagine idilliaca, decorata con il disegno lasciato dalle correnti nell’acqua, le rocce e il tono arancione del tramonto.

Quindi, per arrivarci bisogna scendere un sentiero di scale che non è difficile da fare ma per il quale è consigliato indossare scarpe comode.

Inoltre il periodo migliore per godersi questa spiaggia è con la bassa marea, poiché la superficie sabbiosa è molto maggiore, anche se bisogna sempre tenere presente che è fondamentale fare il bagno con cautela a causa della resistenza e delle correnti che si verificano in queste zone acque settentrionali.

SPIAGGIA DEL BOLLULLO

Tra le migliori spiagge di Tenerife troviamo la spiaggia di El Bollullo, situata sul bordo di una scogliera a El Rincón, nel comune di La Orotava.

Già dall’alto della strada di accesso si può vedere la grande distesa di sabbia nera divisa da una delle tante formazioni rocciose di origine vulcanica che si possono vedere, lasciando da un lato un ampio tratto di spiaggia e dall’altro una piccola caletta.

In questa zona, accanto a El Bollullo, si trova la spiaggia di Los Patos, ideale sia per il bodyboard che per il surf  per la presenza delle onde, anche se, come sopra menzionato, bisogna stare molto attenti quando si fa il bagno.

Trascorrere la giornata su una di queste spiagge è un’ottima opzione e, come idea, il piano può essere completato con un brunch o un pranzo al ristorante in alto, all’inizio del sentiero che porta alla costa, e da dove si può godere di una splendida vista sul mare.

SPIAGGIA DI LOS ROQUES

Come dice il nome, il fascino naturale di questa spiaggia è dato dalle rocce di origine vulcanica che resistono alle onde del mare.

Si trova a Los Realejos, vicino a Puerto de la Cruz, e vi si accede attraverso il Sendero del Agua, molto facile da seguire e con circa 5 chilometri di sola andata percorribile anche in direzione opposta. Quindi, c’è la possibilità di arrivare in auto, anche se non c’è molto parcheggio nelle vicinanze.

Allo stesso modo, quando c’è la bassa marea, si apprezza la combinazione di ciottoli e sabbia nera, cornice perfetta per scattare fotografie dalla riva con gli scogli sullo sfondo, un’immagine così caratteristica delle spiagge del nord di Tenerife e allo stesso tempo così speciale.

5. SPIAGGIA DI TAMADITE

Se si prende il sentiero che parte da Afur, borgo appartenente al Parco Rurale di Anaga, si può raggiungere la spiaggia di Tamadite, ma attenzione, le correnti sono molto forti e non è adatta alla balneazione.

Molto bello è il percorso lungo le pendici della forra dell’Afur, uno degli spazi naturali del massiccio dell’Anaga in cui scoprirete piccoli ruscelli alimentati dall’acqua che scorre praticamente tutto l’anno, rendendo il canale piuttosto ricco di vegetazione.

Alla fine del percorso verrete accolti da una bellissima spiaggia vergine, la spiaggia di Tamadite, dove è meglio non fare il bagno per via delle correnti e del mare sullo sfondo, anche se potrete scattare delle foto molto belle.

E quindi è chiaro che le spiagge del nord di Tenerife hanno una natura selvaggia che si può vedere solo nelle Isole Canarie, dove l’origine vulcanica è presente in ogni angolo, con formazioni geologiche uniche e spettacolari.