Week-end sotto l’acqua alle Isole Canarie con piogge persistenti accompagnate da temporali in tutto l’Arcipelago. Questa la previsione dell’Agenzia meteorologica statale (Aemet) data la probabilità che l’onda tropicale che ieri si è trovata sulle coste del Senegal arrivi e finisca per diventare un ciclone. Sia l’Aemet che il National Hurricane Center prevedono un’intensificazione di detta onda tropicale con una probabilità del 60% che si evolva in un ciclone nei prossimi giorni mentre si sposta a nord-nordovest, tra le isole di Capo Verde e la costa africana

David Suárez, delegato di Aemet alle Isole Canarie , sottolinea che “è probabile che da sabato 24 a lunedì 26 la depressione tropicale si avvicinerà alle Isole Canarie perché l’ambiente è favorevole” , anche se è molto improbabile che avrà un impatto diretto le Isole ”. Tuttavia, questa instabilità avrà delle conseguenze e la principale saranno piogge e rovesci diffusi e persistenti, con temporali in tutta la regione.

Durante il sabato l’intensità delle precipitazioni sarà moderata e non sarà legata al ciclone , ma per domenica e lunedì è prevista un’intensità forte o molto forte, soprattutto nelle isole occidentali. Il giorno di punta sarà domenica, quando è probabile che si accumulino intorno ai 60-100 litri per metro quadrato, tranne che a Lanzarote e Fuerteventura dove la quantità prevista sarà inferiore.

D’altra parte, l’Aemet spiega che “dato che non è previsto il passaggio della probabile depressione tropicale sulle Isole Canarie, il vento non sarà un fattore avverso generalizzato, ma sono probabili raffiche forti o molto forti da sud-ovest , soprattutto in le isole della Palma e di El Hierro, un indirizzo insolito, nelle Midlands e nelle Highlands». Inoltre da domenica peggiorerà lo stato del mare, con onde di componente orientale, alte circa due metri ad ovest delle isole occidentali.

Data l’elevata probabilità di forti piogge nel fine settimana, comuni come Santa Cruz de Tenerife e La Laguna hanno coordinato diverse azioni preventive.

In questo senso, il Comune di Santa Cruz de Tenerife , ha dato istruzioni affinché attraverso Cecopal vengano coordinate diverse azioni preventive, tra cui la revisione e la pulizia degli ombrinali e altri elementi che potrebbero influenza in caso di allerta per forti piogge.

Anche Mobile Approach Unit, che si occupa dei senzatetto, ha attivato i protocolli stabiliti per queste situazioni Pertanto, tutti gli utenti saranno informati per raccomandare misure di autoprotezione nel caso in cui non vogliano recarsi in un centro, mentre i servizi di accoglienza saranno informati per evitare lo sfollamento e adottare misure di autoprotezione.

Da parte sua, anche il Consiglio Comunale di La Laguna ha tenuto ieri una riunione di coordinamento per tutti i territori comunali per stabilire misure di prevenzione.

Dal Dipartimento per la Sicurezza dei Cittadini si ricorda che il Cecopal resta attivato dopo la pioggia che lunedì scorso ha interessato diverse zone del comune, “affinché sia ​​operativo l’intero dispositivo di emergenza”. Tuttavia, gli ambiti Lavori e Infrastrutture e Servizi Comunali e l’Assessorato all’Urbanistica sono preparati, così come l’Assessorato alla Previdenza Sociale, ad intervenire tempestivamente in caso di necessità.

Secondo le previsioni, Fiestas prenderà in considerazione la sospensione degli atti e lo smantellamento del palco principale di Plaza del Cristo. In via cautelativa anche le aree Sport, Istruzione e Mercato in caso di chiusura degli impianti, nonché il Dipartimento Spiagge e Piscine in caso di fenomeni costieri.

Nella prima ora di oggi si terrà un secondo incontro per determinare i protocolli necessari in caso di emergenza.