È la proposta per questo autunno del Centro per le Iniziative e il Turismo di Güímar per la produzione delle Canarie, enologica e letteraria.

Le radici del profondo rapporto tra vino e poesia affondano nella storia antica. Fin dai tempi di Omero, nella poesia è possibile scorgere le tracce delle abitudini e degli usi della società, e il vino, che è parte integrante della vita dell’uomo, non può che essere uno dei soggetti principali scelti dai poeti.

Sono infatti numerose le poesie e i racconti in versi che celebrano il “nettare degli dei” e le sensazioni che è in grado di donare.

Albio Tibullio già nel I secolo a.C. scriveva delle abili doti consolatorie del vino, capace di lenire le ferite del cuore e della mente e di portare pace nel riposo:

Nel vino voglio soffocare i dolori,
al vino chiedo che faccia scendere
negli occhi stanchi, consolatore, il sonno”

Era dello stesso parere anche Giacomo Leopardi, secondo cui “Il vino è il più certo, e (senza paragone) il più efficace consolatore”, insomma un valido sostegno per sollevare gli umori.

Anche il commediografo Aristofane non lasciava spazio a critiche alla bevanda preferita dai poeti, elogiandone le fortunate virtù in qualsiasi campo della vita: 

Bevendo gli uomini migliorano:
fanno buoni affari,
vincono le cause,
son felici
e sostengono gli amici.”

Tornado alla manifestazione, Vini e Versetti si incontreranno nei mesi di settembre, ottobre e novembre con la partecipazione di sette rinomati poeti che hanno contribuito a questo progetto con la realizzazione di un poema originale e inedito che accompagnerà, in edizione limitata, la selezione dei vini delle diverse cantine partecipanti.

In questi incontri, il pubblico presente potrà godere di una serata culturale in cui vignaioli e poeti discuteranno dei loro processi creativi e avranno anche l’opportunità di degustare i vini selezionati.

“Dal CIT contribuiremo con il nostro granello di sabbia a promuovere la cultura, la gastronomia, il turismo, nonché il commercio locale, ed eventi come questo dimostrano il nostro impegno”, afferma Luis Marrero, presidente del Centro per le iniziative e il turismo di Güímar .

Il 24 settembre inizierà il primo incontro poetico, Vinos y Versos, con le guimareras Covadonga García Fierro e Rosa Galdona insieme alle cantine Ferrera ed El Rebusco.

“Generare spazi di incontro in cui gruppi di diversi ambiti possano confrontarsi, trovare un terreno comune e arricchirsi reciprocamente, è la base su cui si basa questo progetto”. spicca, Marta Giménez, coordinatrice del progetto.

Nel mese di ottobre avremo Cecilia Domínguez, Elsa López, entrambi Premio per la Letteratura delle Isole Canarie e Antonio Jiménez Paz e in novembre Gloria Oliva e Pedro Flores, daranno il tocco finale a questi incontri con le cantine che apprezzano il vino come un prodotto.

Se anche tu non puoi che concordare con i versi dei grandi autori del passato, non perderti Vinos y Versos