Notizia scoraggiante per i fumatori che pian piano si vedono preclusi i luoghi dove poter consumare le proprie abitudini, oramai contestate quasi ovunque. L’associazione Nofumadores.org ha raccolto e destinato più di 283.000 firme al ministro della transizione ecologica, Teresa Ribera, e al presidente della Federazione spagnola dei comuni e delle province (FEMP), Abel Caballero, perche’ in tutte le spiagge spagnole sia vietato il fumo.

Il presidente di Nofumadores.org, Raquel Fernández Megina, ha dichiarato a tal proposito che “è essenziale che i minori non inizino a fumare e che non considerino il fumo sulla spiaggia una cosa normale, poiche’ anch’essa e’ritenuta spazio pubblico”. L’iniziativa ‘Smokeless Beaches’ di Nofumadores.org  ha avuto dai cittadini il sostegno  piu’ eclatante, in termini assoluti, sulla piattaforma Change.org.

Nofumadores.org motiva la sua richiesta al Governo con il fine di approvare “una volta per tutte”, una legge nazionale che esenti  i fondali marini dai mozziconi di sigaretta composti da acetato di cellulosa (un tipo di plastica monouso, come quelle che ora stanno vietando l’Unione Europea ), metalli pesanti e altri inquinanti che impoveriscono il fondale marino e si uniscono alla catena alimentare attraverso il consumo di pesce.

“Tutti dovrebbero sapere che i filtri non sono serviti a prevenire un solo cancro o malattia cardiovascolare, sono stati  solo un trompe l’oeil che l’industria del tabacco ha introdotto negli anni Quaranta battendo la bandiera della ‘riduzione del danno’ per far credere ai suoi consumatori che era un’opzione meno dannosa fumare senza filtro e riconquistare così la fiducia dei loro ‘tossicodipendenti’ e mascherare l’accumulo di prove scientifiche sugli effetti nocivi per la salute delle sigarette e che oggi ci creano un grave problema ecologico per il quale l’industria del tabacco non ha mai risposto legalmente o economicamente nonostante abbia contaminato i nostri mari e la nostra fauna marina, cioè il nostro cibo ” ha dichiarato il suo presidente.

Nofumadores.org afferma che questi filtri di plastica non riciclabili e inutili dovrebbero smettere di essere prodotti, e di inquinare le spiagge. La Spagna era gia’ in grado di vantare 475 spiagge senza fumo, con quelle della Galizia in testa, a meta’ estate 2020. Nel 2021 è già stata annunciata l’incorporazione di due spiagge urbane a Barcellona, ​​di tutte le spiagge di Elche, che insieme a quelle esistenti di El Campello e Alicante costituiscono la più estesa striscia di spiagge senza fumo in Spagna per un totale di 45 chilometri  e diverse spiagge di Cadice in cui il fumo sara’ negato.