Ieri sera, gli organizzatori del Reggaeton Beach Festival Tenerife hanno rilasciato un comunicato con il quale informavano che il concerto che si dove tenere presso l’Amarilla Golf nel comune di San Miguel de Abona è definitivamente ANNULLATO .

Nonostante gli sforzi degli organizzatori e dei promotori per gestire la documentazione necessaria per ottemperare alle misure richieste per motivi di sicurezza davanti alle autorità, i dati forniti non sono stati sufficienti e il provvedimento di disconoscimento del Comune di San Miguel è rimasto intatto, comportando così il sequestro dell’area significando di conseguenza che il proseguimento dell’evento produrrebbe un reato penale per l’organizzazione.

Ora, secondo quanto comunicato, gli organizzatori del Reggaeton Beach festival Tenerife rimborseranno i soldi dei biglietti, che da una prima stima ammonterebbero approssimativamente a 20.000 biglietti venduti.

Reggaeton Beach Tenerife.-In primo luogo, si vuole sottolineare che l’organizzazione ha provveduto a tutti gli adempimenti che l’amministrazione ha rivendicato solo 72 ore fa quando, sorprendentemente, senza preavviso e il tempo necessario per correggere le eventuali carenze riscontrate, il  fascicolo è stato chiuso adducendo la mancanza di documentazione, anche se precedentemente da noi fornita e solo non inserita nel fascicolo comunale, questa situazione ci ha allarmato e dopo l’incontro con il sindaco e i tecnici competenti,così come con il capo della polizia di San Miguel de Abona, avendo rilevato irregolarità nell’elaborazione del fascicolo da parte loro abbiamo raccomandato l’ufficio del sindaco e del capo della polizia di aprire un nuovo fascicolo urgente in modo che si potesse in 24 ore ottenere la licenza appropriata.

Ricordiamo che qualsiasi evento RBF contribuisce all’economia della popolazione dove si svolge, così come della regione in cui si trova detta popolazione, un business di circa 20 milioni di euro,  e tutto l’indotto dovuto a  prenotazioni alberghiere, viaggi in aereo, ristoranti e divertimenti.

RBF Canarias è assolutamente intransigente quando si tratta di norme di sicurezza, in modo tale da non accettare alcuna violazione della legislazione vigente in termini di rispetto rigoroso di tutte le norme di sicurezza. Siamo sorpresi dalla situazione creatasi a San Miguel de Abona quando avremmo dovuto ottenere i permessi senza alcun impedimento, come è successo normalmente in tutte le manifestazioni che abbiamo tenuto fino ad oggi.

Abbiamo realizzato più di 20 edizioni di RBF su tutto il territorio nazionale, tutte con assoluto successo di pubblico con amministrazioni e imprese assolutamente felicissime di aver realizzato l’evento nella loro località e con espressa richiesta di ampliare i nostri rapporti con questi comuni anche per il futuro.

Per tutto questo e dopo aver appreso che il Comune di San Miguel de Abona ha consentito in diverse occasioni lo svolgimento di eventi di massa senza la relativa licenza o con file incompleti, vediamo ancora più chiaramente l’animosità nei confronti del nostro marchio, della nostra musica, del nostro pubblico , agendo in malafede, filtrando relazioni tecniche con informazioni errate, assicurando che mancassero informazioni da noi allegate in precedenza, o come nel caso odierno che avendo tutte le informazioni presentate e in ordine (proprio come in qualsiasi altra città del paese) abbiamo dovuto apprendere attraverso la stampa che la relazione tecnica da noi presentata era  sfavorevole, senza nemmeno essere pubblicata ufficialmente.

L’apposizione dei sigilli, che è stata effettuata ieri, si è fatta sul vecchio fascicolo, quando da giovedì pomeriggio era stato aperto un nuovo fascicolo su segnalazione della stessa sindaca per cui era stata presentata tutta la documentazione in regola che aggiustava le piccole irregolarità amministrative del fascicolo precedente. La nostra sorpresa è stata verificare che i media stavano già aspettando nell’area prima che arrivasse la polizia per notificare il sigillo dell’evento.

Eravamo assolutamente convinti che la situazione generata si sarebbe risolta e che l’evento di sabato si sarebbe svolto come previsto, così ci avevano fatto credere lo stesso sindaco, tecnici e forze dell’ordine presenti all’incontro, poiché i documenti richiesti erano stati presentati giovedì come concordato.

Arriviamo a ieri, 29 luglio 2022, alle ore 19:30 non avevamo ancora ricevuto la delibera del fascicolo la cui informazione è stata trasmessa ieri sera per via amministrativa con avviso di ricevimento, solo qualche ora dopo abbiamo finalmente ricevuto una risposta sfavorevole dal sindaco Arturo Eugenio González Hernández e dall’amministrazione, rendendo così di fatto impossibile risolvere in tempo qualsiasi altra piccola carenza