Da gennaio ad aprile di quest’anno gli arrivi degli stranieri nelle Isole Canarie è stato dell’84% in meno paragonandoli a quelli dei quattro mesi dell’anno precedente. Infatti sono state solo 370.841 le persone di altri Paesi entrate nell’Arcipelago in quel periodo, secondo i dati pubblicati martedì dall’Istituto nazionale di statistica (INE).

Nel mese di Aprile ad esempio, secondo l’ultima Statistica dei Movimenti Turistici alle Frontiere redatta dall’INE,  109.468 viaggiatori internazionali hanno visitato le Isole Canarie.

Il dato non è confrontabile con quello dell’anno precedente perché “non è possibile calcolare tassi di variazione per aprile 2021 rispetto allo stesso mese dell’anno precedente quando”lo stato di allarme per la gestione della situazione di crisi sanitaria per Covid19 causava la soppressione del flusso di visitatori internazionali in Spagna per motivi turistici ”in quel mese, sottolinea.

E’ evidente comunque che la diminuzione che si evince confrontando i dati del 2021 con quelli del 2020, con riferimento agli ultimi 4 mesi del 2020, riguarda un periodo che comprende mesi in cui  la pandemia non aveva ancora avuto ripercussioni sull’attività vacanziera.

L’INE sottolinea, in ogni caso, che, nel cumulato dei primi quattro mesi del 2021, le comunità che accolgono più turisti sono le Isole Canarie (con 370.841 e un decremento dell’86,4%), la Catalogna (con 319.298 e un diminuzione dell’85,7%) e le Isole Baleari (con 218.649 turisti, il 46,0% in meno).