Il Ministero della Salute ha aggiornato oggi i livelli di allerta sanitaria dopo la segnalazione epidemiologica della Direzione Generale della Sanità Pubblica.

Secondo questo rapporto, Tenerife passa al livello di allerta 2 a causa dei ricoveri in letti convenzionali, mentre non sono aumentati gli ingressi in terapia intensiva. Il resto delle isole rimane allo stesso livello di allerta in cui si trovava: Gran Canaria rimane al livello 2, rischio medio, e Lanzarote (che include epidemiologicamente La Graciosa), Fuerteventura, La Palma, La Gomera ed El Hierro al livello 1,  a basso rischio.

Nella comunità autonoma nel suo insieme, la media giornaliera dei letti ospedalieri convenzionali occupati da pazienti covid-19 ammonta al 19,8 per cento, e il livello di rischio rimane a un livello medio per le Isole Canarie.

Il numero di posti letto occupati in terapia intensiva rimane a 20 letti nell’ultima settimana e la percentuale di occupazione continua al 4 per cento, mantenendo una circolazione controllata nella Comunità Autonoma nel suo insieme.