Con una paella gigante di carne e pesce per circa 6.000 porzioni, El Tablero, borgo in provincia di San Bartolome de Tirajana, nel sud di Gran Canaria, ha detto addio ieri alle feste patronali del 2022. Dopo due anni senza questo evento, i residenti della città e i suoi numerosi turisti hanno gustato questo ottimo piatto preparato dagli chef della Società di cucina gastronomica dei maestri Mojo Picón .

Circa 30 chef hanno affrontato il compito di preparare la grande paella seguendo le rigorose linee guida che sono state indicate passo dopo passo dal fondatore e presidente onorario di Mojo Picón, Benito Benítez.

Ecco i numeri da record di questa grande paella: 70 litri di olio d’oliva, 25 kg di aglio sfilettato, 100 kg di cipolla tritata, 100 kg di peperoni tritati, 200 kg di cosce di maiale a dadini, 200 kg di cosce di pollo, 200 kg di seppie, 100 kg di pomodori macinati , 750 litri di brodo salato e schiacciato, 2 kg di colorante, 10 kg di brodo avecrem concentrato, 10 kg di sale fino, 300 kg di riso parboiled, 100 kg di fagiolini, 100 kg di piselli, 100 kg di cozze, 160 kg chili di gamberi, 80 chili di peperoni, 30 mazzi di prezzemolo tritato e 25 chili di limone da spremere.

La paella è stata preparata sulla brace ardente di 400 chili di legna da ardere e 300 chili di carbone, irrorati con 25 litri di combustibile e accesi verso le undici del mattino con una canna. Mentre si preparava la paella, rimescolata dai cuochi con 8 pale di legno lunghe 5 metri e altri 4 rastrelli di ferro dai cuochi, a turni di 20 braccia, era allietato dai componenti dell’Associazione Folkloristica.